Windows Update riprenderà gli aggiornamenti interrotti - Informatica e dintorni - Systemtecno-Assemblaggio Assistenza Computer,Creazione Siti Web

- Ore
Vai ai contenuti

Menu principale:

Windows Update riprenderà gli aggiornamenti interrotti

Pubblicato da in indows news ·
Presto gli utenti potranno riprendere il download degli aggiornamenti di Windows 10 da dove lo hanno interrotto, piuttosto che ricominciare daccapo l'intera operazione. Una manna per chi non usa connessioni veloci
Roma - Stando alle indiscrezioni provenienti direttamente da Dona Sarkar, gran capo del programma Windows Insider, presto gli utenti di Windows 10 avranno la possibilità di riprendere il download degli aggiornamenti per il sistema operativo dal punto in cui hanno dovuto interrompere l'operazione.

Il nuovo sistema operativo-come-servizio ha infatti imposto il download obbligatorio degli aggiornamenti, ma non tutti hanno la possibilità di usare una connessione a Internet veloce con cui ridurre al minimo i tempi necessari al recupero dei file.

Inoltre, sui sistemi portatili, non pochi utenti si trovano costretti a interrompere il download con la chiusura improvvisa del sistema. In casi del genere, il risultato è invariabilmente quello di ricevere un messaggio di errore alla prossima accensione e l'obbligo di ricominciare il download dal punto zero.La nuova versione di Windows Update, ha svelato Sarkar, permetterà invece il ripristino del download dal punto in cui era stato precedentemente interrotto. In tal modo l'obbligo dell'update ossessivo-compulsivo di Windows 10 dovrebbe risultare meno oneroso, a meno ovviamente di disabilitare del tutto gli aggiornamenti tramite un apposito tool di terze parti.

Quali sono i tempi previsti per il debutto della nuova funzionalità? Le indiscrezioni non dicono nulla a riguardo, quindi gli aggiornamenti "progressivi" dovrebbero essere esclusi dalle caratteristiche previste per il prossimo Spring Creators Update.

Fonti di questo articolo:


Copyright © 2001-2019 ..:: Systemtecno.it
Torna ai contenuti | Torna al menu